GLOSSARIO DI TRADING

All'interno del nostro glossario di trading puoi trovare le definizioni dei termini utilizzati nel mondo del trading e in ambito finanziario, migliorando così il tuo livello di conoscenza.  

ALLEGGERIMENTO QUANTITATIVO (QUANTITATIVE EASING) – Strumento di politica monetaria utilizzato dalle banche centrali per incoraggiare la spesa all'interno di un sistema economico. Uno degli esempi più conosciuti di quantitative easing rimane il tentativo della Bank of Japan di frenare la deflazione del Paese agli inizi degli anni 2000. I tassi d'intresse durante questo periodo scesero vicino allo zero e non si poterono fare ulteriori tagli. Come risultato la BoJ sommerse di liquidità le banche commerciali per promuovere prestiti e indirettamente incoraggiare la spesa.

ALLIGATOR (INDICATORE) – L'indicatore Alligator si basa sulla combinazione di diverse medie mobili, che utilizzano la geometria frattale e le dinamiche nonlineari per segnalare l'inizio di un nuovo trend. Quando un nuovo trend sta per iniziare, le medie mobili vanno in divergenza, puntando in direzioni differenti. I segnali principali che possiamo leggere sono la forza del trend, la preparazione all'ingresso in posizione, il punto d'ingresso e lo stop-loss.

ANALISI FONDAMENTALE – Metodo utilizzato per prevedere il valore di un asset in base ai dettagli relativi a dati macroeconomici, politici o sociali. L'analisi tecnica è invece basata sui risultati prodotti dai fattori elencati prima in termini di prezzo. L'analisi fondamentale va quindi ad analizzare le cause di determinati movimenti di prezzo. 

ANALISI QUANTITATIVA – Tecnica utilizzata per analizzare come si è comportato uno strumento finanziario in una determinata situazione utilizzando modelli statistici, misurazioni e ricerche. 

ANALISI TECNICA – L’analisi tecnica ha come obiettivo la previsione dei movimenti di prezzo futuri di uno strumento, basandosi su quelli passati.

ANDARE LONG – Inserimento di un ordine di acquisto su una coppia valutaria.

ANDARE SHORT – Si riferisce alla vendita allo scoperto di una valuta prendendola in prestito e restituendola poi in un secondo momento, ricomprandola. 

ARBITRAGGIO – Il trarre profitto dalle correzioni di prezzo o dai differenziali di rendimento di prodotti simili in mercati differenti, aprendo una posizione in un mercato e bilanciandola in un altro mercato. Le posizioni possono essere chiuse in profitto nel momento in cui i prezzi o i rendimenti si riallineano (Esempio: un titolo azionario e il suo equivalente contratto future possono essere quotati a prezzi differenti e in questo modo il prodotto più economico può essere comprato su un mercato e il suo equivalente più costoso può essere venduto). 

ASSET – Un asset, conosciuto anche come strumento, è un prodotto che può essere tradato sui mercati finanziari globali. La lista degli asset include coppie valutarie, commodity, titoli azionari, obbligazioni e indici.

AUSSIE – Nome gergale per il Dollaro Australiano (AUD).

AVERAGE TRUE RANGE (INDICATORE) – L'indicatore ATR è largamente utilizzato per misurare la volatilità di prezzo, senza indicare invece un trend. I calcoli sono basati sul range compreso tra il massimo e il minimo di una giornata di trading e l'indicatore ATR estende questo calcolo anche alla giornata precedente a quella considerata, nel caso in cui il prezzo di chiusura si trovasse al di fuori del suddetto range.

AWESOME OSCILLATOR (INDICATORE) – L'Awesome Oscillator è un istogramma di 34 barre basato sulle medie mobili. L'oscillatore mostra il "momentum" del mercato confrontando i dati relativi ad un periodo recente e quelli relativi ad un periodo passato, aiutando i trader a prendere decisioni riguardo alle loro scelte di acquisto o vendita.

BANCA MONDIALE – Agenzia internazionale che canalizza fondi verso i Paesi in via di sviluppo, e si autofinanzia vendendo bonds sui mercati capitali globali.

BANDE DI BOLLINGER – Le Bande di Bollinger sono state inventate negli anni '80 e hanno fatto evolvere il concetto di bande di trading. Le Bande di Bollinger sono uno strumento di analisi tecnica che misura livelli di massimo e minimo raggiunti dal prezzo in dipendenza dei trade precedenti. Le Bande di Bollinger sono uno strumento particolarmente utile per la price action e per prendere decisioni sistematiche.

BCE – Abbreviazione che sta per Banca Centrale Europea, la banca centrale dei 19 membri dell'Unione europea che hanno adottato l'euro.

BILANCIA COMMERCIALE – Differenza tra import e export di beni e servizi. Il valore della bilancia commerciale, insieme alla variazione tra import e export indica trend di mercato e per questo motivo l'indicatore è molto seguito. 

BOE – Abbreviazione che sta per Bank of England, la banca centrale del Regno Unito.

BOJ – Abbreviazione che sta per Bank of Japan, la banca centrale del Giappone.

BONIFICO (WIRE TRANSFER) – Servizio di pagamento elettronico per trasferire fondi tra due conti tramite mezzi elettronici.

CABLE – Nome gergale per il tasso di cambio GBPUSD.

CAMERA DI COMPENSAZIONE – Istituzione finanziaria che fornisce servizi di compensazione (tutte le attività dal momento in cui viene effettuato un impegno per una transazione fino alla liquidazione) e di liquidazione (consegna di titoli o interessi dietro il pagamento di denaro) relativi a transazioni finanziarie, commodity, derivati e titoli. 

CFD – I CFD, o Contratti per Differenza, sono una categoria di strumenti derivati che permettono all'investitore di fare trading utilizzando l'effetto leva, speculando sulle variazioni di prezzo dell'asset sottostante (indici azionari, commodity, ecc) senza però possederlo.

CFTC – Abbreviazione che sta per Commodity Futures Trading Commission, un'agenzia americana indipendente che regola i mercati dei futures e delle opzioni.

CHIUDERE UNA POSIZIONE – Il processo di acquisto o vendita di una posizione sul forex che risulti nella liquidazione della stessa.

CHIUSURA PARZIALE – Quando il trader chiude parzialmente una posizione aperta.

CICLO – In analisi tecnica, il ciclo indica un target temporale in cui ci dovrebbero essere cambiamenti nella price action. Il ciclo mostra oscillazioni di prezzo che si ripetono durante un determinato periodo di tempo (di solito più lungo di un anno).

COMMISSIONE – Somma da pagare una tantum, fissa o variabile, che il cliente paga quando esegue un trade attraverso la piattaforma del broker.

COMMODITIES – Le materie prime che vengono scambiate sui mercati finanziari si chiamano commodities. La categoria include prodotti energetici come il greggio e il gas naturale, metalli preziosi come oro e argento, materie prime agricole come grano, caffè e zucchero. 

COMMODITY CHANNEL INDEX (INDICATORE) – L'indicatore CCI indica la variazione del prezzo dal suo valore medio. è elencato nella categoria degli oscillatori e misura quindi le fluttuazioni di prezzo. è stato progettato per evidenziare tendenze cicliche e si adatta bene alle commodity e a tutti quei prodotti che tendono a mostrare periodi ciclici di massimi e minimi. 

CONSUMER CONFIDENCE INDEX – L'indice di fiducia dei consumatori (consumer confidence index) misura il livello di ottimismo dei consumatori circa lo stato dell'economia, espresso attraverso i loro comportamenti di spesa e risparmio (ad esempio un drastico calo della fiducia dei consumatori segnala un indebolimento dell'economia). Il dato non è misurato a livello globale, ma stato per stato. Questo indicatore è fondamentale per evidenziare trend economici. 

CONTO DEMO – Conto vituale che ti da la possibilità di testare la piattaforma di trading in un ambiente virtuale, con denaro virtuale e quindi privo di rischi.

CONTO REALE – Conto trading con denaro reale che ti da la possibilità di accedere ai mercati finanziari attraverso la tua piattaforma di trading.

CONTRATTAZIONE AUTOMATICA – Tecniche di trading automatiche che si basano sui movimenti di prezzo invece che sull'analisi fondamentale per fare scelta di apertura/chiusura di posizioni. 

CONTRATTO – Unità standard nel trading.

CONTRATTO FUTURE – Un future è un contratto per l'esecuzione di una transazione in un determinato tempo futuro. Il prezzo della transazione futura è però stabilito nel presente.

CONTROVALORE DEL CONTO – L'ammontare depositato sul conto trading, al netto di margine utilizzato e profitto/perdita. 

COPPIA VALUTARIA – Il trading sul Forex va a considerare le coppie valutarie: una valuta viene comprata e contemporaneamente l'altra viene venduta. Le due valute, considerate insieme, vanno a formare la coppia valutaria.  

DATA DI SCADENZA – Data in cui un contratto CFD non sarà più negoziabile. Il contratto in scadenza sarà sostituito da un altro. 

DATA VALUTA – La data in cui due parti effettuano lo scambio di valute che vengono vendute o comprate.

DATI IN TEMPO REALE – Termine riferito ai prezzi in tempo reale, opposti ai dati storici. 

DAX 30 – Indice tedesco che raccoglie le 30 maggiori aziende quotate.

DAY ORDER – Ordine di acquisto o vendita che scade automaticamente alla fine della giornata di trading in cui era stato inserito. 

DEFLATORE DEL PIL – Il deflatore del PIL misura i livelli di prezzo dei prodotti e servizi creati in un determinato periodo di tempo. In altre parole tiene conto dell'inflazione per tutte le attività economiche. Usando il deflatore possiamo vedere la differenza tra PIL reale e PIL nominale. 

DEVIAZIONE STANDARD – Metodo statistico per misurare la volatilità, la deviazione standard indica la differenza tra prezzi di chiusura e il prezzo medio durante un intervallo di tempo considerato. L'indicatore è utile per valutare la volatilità obiettivo, visto che i due valori sono correlati positivamente. 

DIRECTIONAL MOVEMENT INDEX (INDICATORE) – Indicatore trend-following che aiuta a determinare i trend di mercato. è formato da 3 parti: una per i movimenti di prezzo al rialzo, una per i movimenti di prezzo al ribasso e una che misura la differenza tra le due, mostrando la forza del trend. 

DISINFLAZIONE – Si riferisce alla diminuzione del tasso d'inflazione: i prezzi crescono ad un tasso inferiore al precedente. Il termine è spesso confuso con la deflazione, che significa invece un calo dei prezzo per un periodo di tempo sufficientemente esteso. 

DIVERSIFICAZIONE – Distribuzione del rischio su un portafoglio investimenti che contenga differenti asset con rendimenti non correlati. È possibile ridurre quindi il rischio, riducendo anche il guadagno potenziale. 

DIVIDENDO – Un dividendo è una parte dei profitti dell'azienda che viene distribuita agli azionisti.

DJIA – Abbreviazione che sta per Dow Jones Industrial Average, l'indice azionario standard americano.

DOLLAR RATE – Ammontare di valuta straniera quotata in dollari. Alcune valute, come la Sterlina Britannica, sono quotate in Dollari per unità di valuta straniera. 

DOPPIO MASSIMO – Pattern di prezzo che mostra un rialzo del prezzo, una caduta e poi un altro rialzo verso un livello simile a quello in cui si era interrotto il primo rialzo, questo sarà seguito da un nuovo ribasso. Il grafico ha quindi una tipica forma a M, con i due punti di massimo che rappresentano l'area di resistenza. 

DOPPIO MINIMO – Pattern di prezzo che mostra un calo del prezzo, un rimbalzo e un altro calo verso il livello toccato in precedenza, che sarà seguito da un successivo rimbalzo. Il grafico ha quindi una forma a W, con i due minimi che rappresentano un'area di supporto. 

ECI (INDICE COSTO DEL LAVORO) – Abbreviazione che sta per Employment Cost Index (Indice del Costo del Lavoro). Il dato è trimestrale e misura le tendenze del costo del lavoro, guardando all'inflazione sui salari, paghe, benefit pagati negli Stati Uniti nel settore pubblico e privato. 

ENVELOPES (INDICATORE) – Le envelopes sono due medie medie mobili, di cui una traslata al di sopra del prezzo e una al di sotto. Con questo indicatore possiamo determinare la volatilità del mercato. Le envelopes identificano il margine inferiore e superiodo del range di prezzo: avremo quindi un segnale di vendita quando il prezzo tocca la media superiore, mentre avremo un segnale d'acquisto quando il prezzo tocca la media inferiore. 

ESECUZIONE – Il processo di apertura o chiusura di un trade.

EXPERT ADVISOR – Chiamati anche sistema di trading robotizzato, gli expert advisor sono sistemi di trading algoritmico che abilitano il trading automatico su MT4. I programmi sono scritti in linguaggio MQL, il linguaggio di programmazione di MetaTrader. 

FCA – Abbreviazione che sta per Financial Conduct Authority, l'ente regolare di mercato nel Regno Unito. 

FEDERAL RESERVE SYSTEM – Conosciuta anche come Federal Reserve, FRS, o semplicemente Fed,  è il sistema di banche centrali degli Stati Uniti. 

FILL OR KILL – Termine che viene spesso utilizzato da investitori quando vogliono comprare grandi quantità di azioni ad un particolare prezzo di mercato. L'ordine fill or kill (FOK) si riferisce ad un ordine di acquisto o vendita che dev'essere cancellato se non viene immediatamente eseguito. 

FINANCIAL OMBUDSMEN – È l'organo che dirime le dispute con le aziende regolamentate nei mercati finanziari. 

FMI – Abbreviazione che sta per Fondo Monetario Internazionale. Ne fanno parte 186 stati membri e fornisce finanziamenti e consigli politici ai membri in difficoltà. Collabora con i paesi in via di sviluppo per aiutarli a raggiungere la stabilità macroeconomica e diminuire la povertà. 

FONDO SPECULATIVO – Fondo d'investimento che mira a guadagnare un Absolute Return, utilizzando vendite allo scoperto, swaps, strumenti derivati, trading automatizzato, arbitraggio. 

FORCE INDEX (INDICATORE) – Il Force Index misura la forza di acquisto o vendita: valori molto positivi indicano un trend fortemente in salita, mentre valori bassi indicano un trend fortemente al ribasso. L'indice può essere approssimato con l'utilizzo di una Media Mobile: l'approssimazione con una media mobile breve aiuta a trovare la migliore opportunità di aprire e chiudere una posizione, mentre la stessa operazione con una media mobile lunga può identificare trend e inversioni. 

FOREIGN EXCHANGE – Il sistema grazie a cui una valuta può essere scambiata con un'altra. Permette che l'esecuzione di transazioni a livello internazionale. 

FRACTALS (INDICATORE) – L' indicatore Fractals è molto versatile e segnala punti di massimo e minimo dove il mercato si è invertito. L'indicatore può essere utilizzato da solo o con altri indicatori. Il Fractals è utilizzato per confermare o consolidare un trend, insieme all'indicatore Alligator. 

GATOR OSCILLATOR (INDICATORE) – Il Gator Oscillator aiuta a visualizzare i cambi di trend imminenti (e.g. I momenti in cui le linee dell'indicatore Alligator si allargano o si restringono).

GESTIONE DEL RISCHIO – Utilizzo di strategie per controllare o ridurre il rischio finanziario. Un esempio è l'ordine stop loss che minimizza la perdita massima.

GOLDEN CROSS (PATTERN DI PREZZO) – In analisi tecnica, la golden cross si verifica quando due medie mobili si incrociano: di solito una media corta, ad esempio a 20 periodi, con una più lunga, ad esempio a 40 periodi. Questo segnala che il prezzo potrebbe muoversi nella stessa direzione. 

GRAFICO A BARRE – Conosciuto anche come grafico OHLC (open-high-low-close). Il grafico a barre mostra i movimenti del prezzo di uno strumento finanziario durante un determinato periodo di tempo. Ogni linea verticale rappresenta il massimo e il minimo raggiunti in una certa unità temporale, che può andare dal minuto al mese, in termini di estensione. Piccole linee orizzontali indicano invece il prezzo di apertura (a sinistra) e il prezzo di chiusura (a destra) per il medesimo periodo di tempo. 

GRAFICO A CANDELE GIAPPONESI – Grafico simile a quello a barre, ma con maggiori dettagli visivi. Le candele giapponesi mostrano prezzo di apertura e chiusura, massimo e minimo per un determinato orizzonte temporale. L'area compresa tra il prezzo di apertura e chiusura è evidenziata. 

GRAFICO A LINEA  – Tipologia di grafico base in cui è possibile visualizzare solamente il prezzo di chiusura in un determinato periodo di tempo. 

GRAFICO POINT AND FIGURE – Tecnica utilizzata per evidenziare le variazioni di prezzo, senza però associare una scala temporale ad una certa price action.

HEDGE – Pratica che riduce rischio/esposizione del trader.

HEDGE LONG – Fare hedging su una posizione acquistando contratti futures per proteggersi da aumenti di prezzo nei corrispondenti mercati cash. 

HIT THE BID – Vendere al prezzo bid.

ICHIMOKU KINKO HYO – Abbreviata come IKH, chiamata anche Ichimoku, è una tecnica di trading su grafico a candele che tende a chiarificare la price action. L'indicatore Ichimoku identifica punti d'ingresso e uscita ed è utilizzato per determinare trend di mercato, livelli di supporto e resistenza e per dare segnali di acquisto e vendita. 

INDICATORE ACCUMULAZIONE/DISTRIBUZIONE – L'indicatore Accumulazione/Distribuzione indica la differenza tra tutti i movimenti di prezzo verso l'alto, al prezzo di chiusura (accumulazione), e tutti i movimenti verso il basso (distribuzione), in un determinato periodo di tempo. Questo indicatore aiuta i trader a capire se il mercato è controllato dai compratori (accumulazione) o dai venditori (distribuzione).

INDICATORE ADX – L'indicatore ADX mostra la forza di un trend, basandosi sui movimenti di prezzo di uno strumento finanziario, indicando una tendenza al rialzo o al ribasso. L'indicatore aiuta ad analizzare i trend di mercao e a prendere decisioni relative al trading. L'ADX è un indicatore che si muove in ritardo rispretto al prezzo e indica solamente la forza di trend, ma non la direzione. Il range dell'ADX è limitato tra 0 e 100 (un valore superiore a 50 indica un trend molto forte).

INDICATORE MACROECONOMICO – Una serie di statistiche che ci fornisce il quadro delle condizioni economiche di un paese. Gli indicatori macroeconomici permettono di analizzare la performance economica presente e passate e di predirre quella futura. Solitamente questi indicatori includono una serie di indici, report e statistiche.

INDICATORE TECNICO – Trend di breve periodo utilizzato dagli analisti tecnici per predirre futuri movimenti di prezzo di prodotti finanziari e commodities.

INDICE – In senso ampio, è la misura statistica della variazione dell'economia. Nei mercati finanziari, gli indici sono portafogli immaginari di titoli che rappresentano un particolare mercato o un segmento di mercato e le variazioni dell'indice indicano le tendenze del mercato.

INDICE AZIONARIO – Gli indici mondiali sono le piazze azionarie dove vengono scambiate le azioni delle società quotate. Alcuni indici popolari sono Il NIKKEI giapponese, il DAX tedesco, il FTSE inglese e il NASDAQ americano.

INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO – L'indice dei prezzi al consumo misura le variazioni dei livelli di prezzo di un paniere di prodotti e servizi acquistati dai consumatori. Le variazioni riportate riguardano più di 200 categorie di prodotti. L'IPC è inoltre una misura dell'inflazione.

INDICE DI PREZZO – Media ponderata dei prezzi di una particolare classe di beni o servizi disponibili in una data regione durante uno specifico intervallo di tempo. L'indice dei prezzi è una statistica utilizzata per confrontare come i prezzi differiscono tra regioni geografiche diverse o tra periodi di tempo differenti. 

INDICE IFO – Rilasciato dal Center for Economic Studies (CES) di Monaco. Si basa su un'indagine condotta su più di 7,000 imprese tedesche di diversi settori. L'indice IFO è considerato un indicatore di riferimento sia per la Germania che per l'Unione europea. Fornisce un'indicazione sulla fiducia delle imprese. 

INFLAZIONE – Condizione in cui i prezzi di prodotti e servizi salgono, erodendo il potere d'acquisto dei consumatori. 

IPC – Abbreviazione che sta per Indice dei Prezzi al Consumo. L'IPC è una stima statistica utilizzata per misurare le variazioni dei livelli di prezzo di servizi e prodotti al dettaglio, comprati dai consumatori privati. Le variazioni riportate riguardano più di 200 categorie di prodotti. L'IPC è inoltre una misura dell'inflazione.

IPERCOMPRATO – Un termine utilizzato in riferimento alle coppie valutarie. Una coppia valutaria si dice ipercomprata quando il suo prezzo sale molto più rapidamente del solito in risposta agli acquisti netti. Una volta che la coppia valutaria va in ipercomprato, ci si attende una mossa correttiva. 

IPERINFLAZIONE – Riferito ad un tasso d'inflazione estremamente alto e fuori controllo: i prezzi di un paese aumentano rapidamente a causa della perdita di valore della valuta locale contro la valuta straniera. 

IPP – Abbreviazione che sta per Indice dei Prezzi alla Produzione, conosciuto anche come Indice dei Prezzi all'Ingrosso. L'indice misura la variazione media dei prezzi che i produttori nazionali applicano ai beni prodotti.

KIWI – Nome gergale per il New Zealand dollar (NZD). 

LEVA FINANZIARIA – La leva è uno strumento che gli investitori hanno per aumentare il loro potenziale di trading e controllare una posizione con una frazione del suo valore nominale. Un broker online può offrire una leva fino a 200:1.

LIQUIDAZIONE – Chiusura di una posizione attraverso l'esecuzione di un'altra posizione compensativa. 

LIQUIDITÀ – Relazione che intercorre tra volume della transazione e movimenti dei prezzi. Se grandi volumi di transazione possono essere eseguiti con variazioni di prezzo minime, si dice che il mercato è liquido.

LIVELLO DI STOP OUT – Livello al quale vengono chiuse automaticamente le posizioni a mercato. Il livello di stop out di Destek Capital corrisponde al 50% o meno del livello di margine.

LOTTO – Misura standard di un contratto sul mercato forex. Un lotto standard è di 100,000 unità di valuta.

MARGIN CALL – Avviso generato dalla piattaforma di trading per depositare nuovi fondi necessari a mantenere aperte le posizioni a mercato. Il livello di margin call di Destek Capital è del 100%.

MARGINE – Deposito minimo da mantenere sul conto per mantenere aperta una posizione. Ad esempio: se voglio mantenere aperta una posizione da 250,000 $, con una leva a 50:1, il margine richiesto sarà di 5000$. 

MARGINE DISPONIBILE – Ammontare di denaro non utilizzato per mantenere aperte le posizioni di mercato. Questo ammontare è quindi prelevabile.

MARGINE INIZIALE – Deposito che il cliente deve effettuare prima di allocare un trade.

MARGINE UTILIZZATO – L'ammontare depositato sul conto trading di un cliente, necessario a mantenere aperte tutte le operazioni a mercato.

MARKET FACILITATION INDEX (INDICATORE) – Il MFI determina l'efficenza dei movimenti di prezzo, analizzando il rapporto tra variazione del prezzo e volume. L'indicatore ci può aiutare a capire se il mercato si trova in un particolare trend di prezzo.

MARK-TO-MARKET – Principio che regola la contabilità di un broker finanziario. Si riferisce agli aggiustamenti fatti sui conti trading alla fine della giornata per rispecchiare profitti e perdite delle posizioni in essere. Le vincite sono quindi accreditate e le perdite dedotte in modo istantaneo. 

MEDIA MOBILE – La media mobile è un indicatore di analisi tecnica che mostra il valore medio di un determinato strumento per un certo periodo di tempo. Abbiamo quattro tipi differenti di medie mobili (semplice, esponenziale, smoothed, lineare) che variano al variare del prezzo.

MERCATO A TERMINE (FUTURES EXCHANGE) – Mercato centralizzato soggetto a regolamentazione dove i compratori e i venditori si incontrano per fare trading sui contratti futures e opzioni sui contratti futures.

MERCATO RIALZISTA – Termine utilizzato per descrivere una condizione di ottimismo in cui si trova il mercato. In un mercato rialzista i prezzi delle azioni e dei prodotti crescono progressivamente.

MERCATO SPOT – Chiamato anche mercato cash, è il mercato finanziario su cui gli strumenti sono scambiati con consegna immediata (spot). Opposto del mercato future.

MERCATO VOLATILE – Si riferisce ad un mercato spesso soggetto ad ampie fluttuazioni di prezzo. Questo tipo di volatilità è spesso causata da assenza di liquidità.

METALLO VILE – Principali metalli non ferrosi industriali come rame, zinco, alluminio, piombo, stagno o nichel.

METATRADER – Piattaforma di trading indipendente creata per il trading su forex, opzioni e futures. Conosciuta per i suoi strumenti di analisi tecnica e per la possibilità di utilizzare sistemi automatizzati ed expert advisor. 

MOBILE TRADING – Controllo del conto trading attraverso un dispositivo mobile con accesso a internet.

MOMENTUM (INDICATORE) – Indicatore che misura il movimento di mercato e la forza del trend nel tempo. Quando inizia un trend, il momentum raggiunge i livelli più alti, durante il cambio di trend invece l'indicatore raggiunge i livelli più bassi. Quando prezzo e momentum divergono c'è debolezza. Se abbiamo estremi nel prezzo con un momentum basso, abbiamo un segnale della fine del movimento in quella direzione. Possiamo aspettarci un cambio di direzione del prezzo se il momentum è forte, ma i prezzi sono piatti. 

MONETA A CORSO LEGALE – Si riferisce alla moneta emessa dallo stato, priva di valore intrinseco. La moneta a valore legale è l'opposto del gold standard. Ciò vuol dire che il valore della moneta aumenta o diminuisce in dipendenza dei meccanismi di domanda e offerta.

MONEY FLOW INDEX (INDICATORE) – L'indicatore MFI mostra l'intensità e il volume degli acquisti e delle vendite su una commodity. L'indicatore confronta il valore dei giorni di crescita con quello dei giorni di decrescita e aiuta ad anticipare debolezza e inversione di trend. 

MOVING AVERAGE CONVERGENCE/DIVERGENCE (INDICATORE) – Il MACD fa diventare due indicatori trend following (medie mobili) un oscillatore del momentum, sottraendo la media mobile la media mobile lunga dalla media mobile breve. è uno degli indicatori di momentum più efficaci perchè combina ad esso il trend following.  I traders cercano segnali di crossover e divergenza per i loro trade. 

MOVING AVERAGE OF OSCILLATOR (INDICATORE) – L'indicatore OsMA è una versione modificata del MACD. La formula utilizzata dall'indicatore è tuttavia diversa e aiuta ad identificare convergenze e divergenze per trarre profitto dai cambiamenti di mercato. 

NASDAQ – Abbreviazione che sta per "National Association of Securities Dealers Automatic Quotation System". Il NASDAQ fornisce agli operatori di mercato quotazioni riguardo alle azioni più scambiate sul mercato OTC (over-the-counter). 

NEW YORK STOCK EXCHANGE – Conosciuto anche come NYSE o Big Board, è il mercato azionario più grande al mondo in base alla capitalizzazione dei prodotti quotati. Gestito da NYSE Euronext, il valore medio giornaliero di scambi è stato stimato a 153 miliardi di dollari nel 2008.

NON-FARM PAYROLL – Indicatore macroeconomico rilasciato ogni mese dal Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti. Fa parte di un report più ampio sul mercato del lavoro statunitense. I nonfarm payrolls includono l'80% dei lavoratori che producono la totalità del PIL americano. Questi report sono anche utilizzati per prevedere i livelli futuri di attività economica del paese. 

OBBLIGAZIONE – Un'obbligazione è un titolo di debito emesso per uno specifico periodo di tempo, utilizzato per raccogliere capitale.

ON BALANCE VOLUME – As one of the first technical indicators to measure positive and negative volume flow (i.e. the buying and selling pressure), the OBV is used to predict price movements, or to confirm price trends.

OPZIONE – Da al compratore il diritto, senza obbligarlo, a comprare o vendere un asset sottostante ad un prezzo pre determinato. Un opzione da al compratore la facoltà di scegliere se utilizzare o meno il suo diritto a comprare o vendere. Le opzioni sono uno strumento flessibile che permette di trarre profitto dai movimenti di prezzo favorevoli e ridurre il rischio di movimenti di prezzo sfavorevoli. 

ORDINATIVI ALL'INDUSTRIA – Il report sugli ordinativi alle fabbriche, rilasciato dal Census Bureau americano, misura il volume, espresso in dollari, di nuovi ordinativi, spedizioni, ordini non evasi, inventari dei produttori nazionali. Il report non ha un grande impatto sul mercato, ma aiuta a prevedere l'andamento del PIL. 

ORDINATIVI DI BENI DUREVOLI – Indicatore chiave dell'attività manifatturiera che misura in dollari il volume di ordinativi, spedizioni e ordini non evasi, relativamente alla categoria dei beni durevoli. 

ORDINE – Ogni comando effettuato per aprire un trade, sia come ordine a mercato che come pendente. 

ORDINE APERTO – Ordine di acquisto o di vendita che non scade finchè non viene cancellato. In teoria è un ordine che non ha scadenza. Tuttavia nella pratica scade alla fine del mese di trading.

ORDINE BUY LIMIT – Ordine pendente di acquisto che va a mercato nel momento in cui il prezzo "ask" di un prodotto è uguale ad un valore stabilito dal trader. L'ordine buy limit dev'essere piazzato ad un prezzo più basso di quello attuale. Questo tipo di ordine pendente viene quindi inserito quando si crede che il prezzo debba risalire nuovamente dopo una correzione al ribasso.

ORDINE GTC – Abbreviazione che sta per Good Till Cancel (valido fino a revoca). è un tipo di ordine limit che rimane valido fino a che non è eseguito o cancellato. È l'opposto del day order, che rimane valido fino a fine giornata. 

ORDINE LIMIT – Ordine pendente utilizzato per chiudere un trade quando il mercato si sta muovendo in modo profittevole verso la posizione aperta. 

ORDINE PENDENTE – Ordine impostato sulla piattaforma di trading per essere eseguito in determinate condizioni temporali o di prezzo. 

ORDINE STOP – Un ordine pendente utilizzato per chiudere un’operazione quando il mercato mostra possibilità di perdita per la nuova posizione aperta.

OSCILLATORE STOCASTICO – Utilizzando livelli di supporto e resistenza, l'oscillatore stocastico fa da indicatore di momentum, che indica la posizione del prezzo di chiusura in relazione al range massimo-minimo in un determinato periodo di tempo. 

PARABOLIC SAR (INDICATORE) – Indicatore originariamente chiamato "Parabolic Time/Price System", perchè si riferiva ad un sistema di trading basato su prezzo e tempo. Il SAR è acronimo di "Stop and Reverse" e indica i cambiamenti del prezzo nel corso del tempo. L'indicatore si ferma e si inverte nello stesso momento in cui un trend di prezzo si inverte e si muove al di sopra o al di sotto dell'indicatore.

PIATTAFORMA DI TRADING – È un software fornito al cliente dal broker per permettere le attività stesse di trading, assicurando la connessione sicura tra il conto del cliente ed il broker.

PIL – Abbreviazione che sta per Prodotto Interno Lordo. Il PIL è correlato solitamente agli standard di vita, essendo il valore di mercato di tutti i prodotti e servizi di un determinato paese durante il periodo di tempo considerato. Indica il ritmo di crescita economica di un paese e si può calcolare in 3 modi: prodotti totali, spese totali, salari totali. 

PIP – Un pip (o punto base) è l'unità di misura più piccola riferita ad una valuta. è la centesima parte di un punto percentuale o, in altre parole, la quarta cifra decimale. I profitti e le perdite di mercato si quantificano in pip. 

PIVOT – Livello di prezzo significativo utilizzato in analisi tecnica sui mercati finanziari. I punti pivot sono utilizzati come indicatore predittivo per i movimenti futuri del mercato e vengono calcolati come media di livello di prezzo rilevanti (e.g. massimo, minimo, chiusura) toccati in precedenza.

PMI – Abbreviazione che sta per Purchasing Managers Index (Indice Direttori Acquisti). Misura l'attività economica andando a considerare la percentuale di direttori acquisti in un determinato settore. L'indice PMI è pubblicato il primo giorno lavorativo di ogni mese. Un valore sopra il 50 indica espansione, mentre un valore sotto il 50 indica contrazione. 

POINT AND FIGURE CHART – A technique that uses numerical filters to mark price changes, without showing a time scale to associate a certain day with a certain price action.

PORTAFOGLIO – Serie di investimenti effettuati da un trader individuale o da un'azienda. Il portafoglio può includere azioni, futures, obbligazioni, opzioni, contratti, investimenti nel mercato immobiliare o ogni altro tipo di strumento che l'ivestitore ritenga profittevole.

POSITION TRADING – A type of trading during which the trader either buys or sells contracts and holds them for an extended period of time.

POSIZIONE A LUNGO TERMINE – Posizione che dovrebbe rimanere aperta per svariati mesi o anche anni. 

POSIZIONE APERTA – Operazione a mercato che non è ancora stata chiusa.

POSIZIONE DI MEDIO TERMINE – Posizione il cui obiettivo dovrebbe essere raggiunto tra 1 e 3 settimane. 

POSIZIONE LONG – La posizione long si riferisce all'acquisto di uno strumento, con l'aspettativa che il suo valore di mercato aumenti. 

POSIZIONE NETTA – Riferito alla differenza tra posizioni a mercato in acquisto e in vendita. Ad esempio, se sulla coppia EURUSD ho aperto una posizione in acquisto di 1,20 lotti e una posizione in vendita di 1 lotto, la posizione netta sarà di 0,20 lotti in acquisto. 

POSIZIONE OVERNIGHT – Posizione che rimane aperta fino al giorno lavorativo successivo. 

POSIZIONE SHORT – Si riferisce alla vendita di uno strumento, con l'aspettativa che il valore di mercato scenda. 

PRESA DI PROFITTO – Chiudere una posizione con l'intenzione di trarne profitto. 

PREZZO ASK – Il prezzo "ask"  è il prezzo di mercato che i traders utilizzano quando devono comprare un prodotto. Il prezzo "ask" si trova a destra quando leggiamo la quotazione di un prodotto. È anche chiamato prezzo "lettera".

PREZZO BID (DENARO) – Il prezzo al quale è possibile vendere la valuta di base.

PREZZO SPOT – Riferito al mercato dei cambi, è il prezzo di mercato in un particolare momento. 

PRINCIPIO DELLE ONDE DI ELLIOT – Il Principio delle Onde di Elliot si basa sulla teoria del comportamento di mercato sviluppato da Ralph Nelson Elliot (1871-1948), ed è una forma di analisi tecnica utilizzata per analizzare cicli e prevedere trend futuri di mercato. Secondo Elliot i prezzi si muovono seguendo 5 onde: 3 in direzione del trend principale e due corretive. Analizzando il comportamento del prezzo, il trader può quindi identificare punti d'ingresso e d'uscita. 

PRODUZIONE INDUSTRIALE – La produzione industriale è la misura delle variazioni del livello di produzione in un settore (come il settore manifatturiero o minerario) e indica la capacità industriale di un paese. 

PROFITTI/PERDITE NON REALIZZATI – I profitti o le perdite generati da un'operazione a mercato. Diventano profitti/perdite realizzati quando l'operazione viene chiusa.

PROFITTI/PERDITE VARIABILI – Si riferisce a profitti o perdite che si possono realizzare solo nel momento in cui i contratti saranno chiusi. 

PROFITTO LORDO – Differenze tra ricavi e costi di vendita. 

PROFITTO/PERDITA – Il risultato di un'operazione di trading.

PROFONDITÀ DEL MERCATO – Volume della liquidità di mercato riferito all'abilità del mercato stesso di gestire grandi transazioni senza significative variazioni di prezzo. La profondità del mercato è uno strumento importante per la price action, per determinare punti di ingresso e uscita da un trade. 

QUOTAZIONE – Una quotazione è un prezzo di mercato indicativo utilizzato solamente a scopo formativo.

QUOTAZIONE DIRETTA – Quotare unità variabili di valuta locale, contro unità fisse di valuta straniera.

RANGE – Si riferisce alla situazione in cui il valore di uno strumento rimane confinato tra un massimo e un minimo conosciuti, che agiscono come limiti di prezzo.

REGOLAMENTAZIONE – È il sistema normativo creato da un ente regolatore che vigila sulla correttezza degli operatori di mercato. 

RELATIVE STRENGTH INDEX (INDICATORE) – L'RSI è un indicatore di momentum che indica la variazione e la velocità dei movimenti di prezzo. Oscilla tra 0 e 100, entra in area di ipercomprato sopra il 70 e in area di ipervenduto sotto il 30. Può essere anche utilizzato per generare segnali di divergenza, fallimenti di swing e centerline cross-over (e.g quando l'RSI si muove al di sopra della linea mediana della scala dell'indicatore).

RELATIVE VIGOR INDEX (INDICATORE) – Abbreviato in RVI, indica la forza presente nel mercato di riferimento ed è utilizzato per analizzare i movimenti di prezzo tra l'apertura e la chiusura del mercato. Confrontando i risultati ottenuti con il mercato in salita e quelli con il mercato in discesa, i trader possono misurare la forza generale del mercato e predirre l'andamento di trend. 

RESISTENZA – Una resistenza è un tetto per i futuri movimenti di prezzo. È l'opposto del supporto. 

RIALZISTA (BULLISH) – Un mercato rialzista ha prezzi in rialzo. È un mercato percepito come forte.

RIBASSISTA (BEARISH) – Un mercato ribassista è un mercato con prezzi in calo. È un mercato che è percepito come debole.

RIBASSISTI (BEARS) – Riferito ai traders che si aspettano prezzi in calo. L'opposto dei rialzisti.

RITRACCIAMENTO – Tecnica utilizzata per determinare obiettivi di prezzo. Si crede che il mercato vada a ritracciare generalmente su percentuali prevedibili, come il 33%, 50% e 67%. Secondo la teoria di Dow il ritracciamento minimo e quello massimo sono rispettivamente il 33% e il 67%. Secondo Gann, il 50% è il ritracciamento più importante, mentre secondo la sequenza di Fibonacci i ritracciamenti più importanti sono 61,8%, 50% e 38,2% .

RITRACCIAMENTO DI FIBONACCI – Strumento di analisi tecnica che si basa sull'idea che il mercato ritracci verso punti prevedibili del movimento di prezzo principale, per poi continuare nella direzione precedente. I livelli di Fibonacci sono utilizzati come livelli di supporto e resistenza.

ROLLOVER – Si applica quando una posizione è chiusa al prezzo odierno e poi riaperta al prezzo del giorno successivo, riflettendo il differenziale dei tassi d'interesse tra le due valute. 

SALARI ORARI MEDI – Indicatore macroeconomico che misura il livello di inflazione di tutti i settori dell'economia (escluso il settore agricolo) nel momento in cui salari vengono pagati ai dipendenti. Un aumento del salario dei dipendenti si traduce in un aumento della spesa privata, quindi i salari orari medi sono un indicatore chiave per la spesa dei consumatori.

SALDO DEL CONTO – L’ammontare depositato sul conto trading, non utilizzato per mantenere posizioni aperte a mercato e quindi prelevabile.

SCALPING – È uno stile di trading che si basa su operazioni di brevissimo termine ad alta frequenza, per guadagnare da piccoli movimenti di mercato. 

SESSIONE DI TRADING – Periodo delle attività di trading dall'apertura alla chiusura di un determinato mercato. Il mercato del forex offre opportunità di trading ventiquattr'ore su ventiquattro. Inoltre, dato che le sessioni di forex globali si accavallano grazie agli orari diferenti, è possibile fare trading su mercati differenti durante la stessa sessione. Contiamo quattro principali sessioni globali di trading: sessione di Sydney, sessione asiatica (Tokyo), sessione di Londra e sessione di New York.

SISTEMA A TASSO DI CAMBIO FISSO – Un sistema di tassi di cambio fissi è quel sistema in cui il valore di una valuta rimane fissato rispetto ad un'altra valuta o ad un paniere di valute. Il sistema a cambi fissi è utilizzato per stabilizzare il valore di una valuta nei confronti di quella su cui è ancorata. 

SLIPPAGE – Lo slippage si verifica a causa della variazione di condizioni di mercato ed è la differenza tra il prezzo richiesto e il prezzo attuale, a cui l'ordine è stato eseguito. 

SOTTOSTANTE – Il prodotto/contratto su cui si basa il prezzo di ciascun CFD.

SPREAD – Differenza tra il prezzo bid e il prezzo ask. 

STERLINA – Riferito alla sterlina britannica (GBP), moneta ufficiale del Regno Unito, la quarta moneta più scambiata nel mercato del forex, dopo il dollaro, l'euro e lo yen. 

STOP LOSS – Un ordine stop loss, chiamato anche semplicemente ordine stop, è uno strumento di gestione del rischio, che chiude una posizione nel momento in cui viene toccato uno specifico livello di prezzo. Gli ordini stop loss proteggono il trader da ulteriori perdite, nel caso in cui il prezzo continui ad andare in direzione sfavorevole.

STRUMENTO – Ogni prodotto finanziario (ad esempio una coppia valutaria), CFD o commodity. 

STRUMENTO DERIVATO – Uno strumento derivato è un contratto negoziabile che deriva il suo valore dal prezzo di un asset sottostante. Gli asset sottostanti possono includere commodity, valute, titoli azionari, obbligazioni. I derivati sono utilizzati principalmente per fare hedging e ridurre il rischio di portafoglio. 

STRUMENTO FINANZIARIO – Documento (assegno, obbligazione, titolo azionario, future, opzione, cambiale) con valore monetario che rappresenta un accordo vincolante (impugnabile dal punto di vista legale) riguardante il pagamento di una determinata somma di denaro. Ci sono due tipologie principali di strumenti finanziari: strumenti di debito (prestito con accordo per ripagare i fondi con gli interessi) e strumenti di capitale (azioni).

SUPPORTO – Un supporto è una zona che funge da limite ai cali di prezzo di un prodotto finanziario. È l’opposto della resistenza.

SWAP – Vedere alla voce “Rollover”.

SWISSIE – Termine gergale che si riferisce al franco svizzero (CHF), valuta ufficiale di Svizzera e Liechtenstein. 

TAKE PROFIT – Un ordine take profit, abbreviato T/P, è uno strumento di gestione del rischio, che permette di chiudere automaticamente una posizione, una volta raggiunto un livello di prezzo prefissato. L’ordine take profit è particolarmente utile per proteggere i profitti ottenuti, da eventuali cambi di direzione inaspettati del prezzo dello strumento.

TANKAN – Il tankan (si traduce come "osservazione economica di breve periodo")  è uno strumento che misura la fiducia delle imprese ed è rilasciato dalla Bank of Japan. In Giappone questo indicatore riveste un'importanza fondamentale, dal momento che influenza pesantemente il prezzo dei titoli azionari e il tasso di cambio. 

TASSI D'INTERESSE REALI – Corrispondono approssimativamente al tasso d'interesse nominale (prima di correggerlo con il tasso d'inflazione) meno il tasso d'inflazione (crescita del livello generale di prezzi e servizi all'interno di un'economia). 

TASSO DI CAMBIO – Il tasso di cambio mostra il valore di una valuta nei confronti di un'altra. Per esempio, nella coppia EURUSD, il tasso di cambio è 1,13. Ciò vuol dire che 1 euro (valuta di base) vale 1,13 dollari. 

TASSO DI CAMBIO CROSS – Tasso di cambio tra due valute. Prezzo di una valuta in termini di un'altra valuta di un paese terzo. Il tasso di cambio cross è detto non-standard nel paese in cui la coppia valutaria è quotata. Per esempio negli USA il tasso di cambio GBP/JPY sarebbe considerato un tasso di cambio cross, mentre in Giappone o nel Regno Unito non lo sarebbe.

TASSO DI CAMBIO FLESSIBILE – È un tasso di cambio fisso che viene frequentemente rivalutato.

TASSO DI CAMBIO VARIABILE – Tasso di cambio determinato dalle forze del mercato. 

TASSO DI DISOCCUPAZIONE – Indica la percentuale di persone senza un impiego, e viene misurato nel rapporto tra il numero di disoccupati in cerca di un lavoro ed il numero totale di persone impiegate. Questo dato, che analizza il settore lavorativo in ritardo, può causare moderata volatilità sui mercati in quanto può fornire indicazioni circa futuri cambiamenti dei tassi di interesse e delle politiche monetarie.

TASSO DI ROLLOVER – mmontare che il trader paga o guadagna, in dipendenza della coppia valutaria considerata. 

TASSO D'INTERESSE – Valore espresso in percentuale che rappresenta l'ammontare di denaro pagato per prendere a prestito dei fondi. è calcolato su base giornaliera e pagato il primo giorno di ogni mese. 

TASSO D'INTERESSE ANNUALE – Un tasso d'interesse è il valore, espresso in percentuale, di un ammontare di denaro pagato per prendere a prestito dei fondi. I tassi d'interesse prendono solitamente come orizzonte temporale di riferimento l'anno.

TASSO NAZIONALE – Tasso d'interesse applicato ai depositi e ai prestiti denominati in una particolare valuta. Questi tassi d'interesse sono simili a quelli offerti all'interno del paese straniero in cui i cittadini mantengono i loro depositi. 

TASSO UFFICIALE DI SCONTO – Il tasso ufficiale di sconto è il tasso d'interesse fissato dalla Reserve Bank of Australia and New Zealand, ed influenza il livello generale dei tassi d'interesse all'interno dell'economia del paese e nel sistema bancario. Modifiche al tasso ufficiale di sconto si riflettono nel giro di settimane sui tassi d'interessi variabili dei mutui, sui finanziamenti a privati e sui tassi applicati alle carte di credito.

TEORIA DEL CAOS/TRADING – Chiamata anche dinamica non-lineare, prevede un'analisi complessa, ma è uno strumento utilizzato essenzialmente per determinare se esistono pattern ripetitivi nel mercato. La teoria del caos prevede inoltre lo studio della price action, insieme all'utilizzo di strumenti matematici e statistici.

TESTA E SPALLE – Pattern di prezzo con tre picchi (il secondo è più alto degli altri). Questo pattern di prezzo indica un'inversione di trend. 

TICK – Il Tick rappresenta il minimo movimento (a rialzo o a ribasso) del prezzo di un prodotto finanziario.

TITOLO AZIONARIO – Un titolo azionario è una percentuale del valore di un'azienda e un azionista è qualcuno che possiede una parte dei profitti dell'azienda. 

TRADE – Transazione finanziaria eseguita nel mercato.

TRADING ALGORITMICO – Il termine si riferisce alla pratica di prendere decisioni relative a tempistica, prezzo e quantità di un ordine, basandosi su modelli matematici e computerizzati molto avanzati. Il trading algoritmico è molto utilizzato da fondi speculativi e banche. Per minimizzare il rischio, gli ordini più grandi vengono frazionati in ordini più piccoli, che vengono piazzati senza che ci sia l'intervento umano, ma basandosi solamente su informazioni ricevute per via elettronica.

TRADING AUTOMATIZZATO – Conosciuto anche come trading algoritmico, è utilizzato per dividere trade di grandi dimensioni in trade di piccole dimensioni, per ridurre il rischio e l'impatto sul mercato. Il trading automatizzato implica l'utilizzo di software per inserire gli ordini di trading. Il trading automatizzato utilizza modelli matematici (algoritmi) per prendere decisioni e per eseguire transazioni sui mercati finanziari. L'algoritmo decide i vari aspetti dell'ordine, ad esempio le tempistiche, prezzo o quantità, senza che ci sia intervento umano nella maggior parte dei casi.

TRADING BLACK BOX – Chiamato anche trading automatico, si riferisce all'utilizzo di sistemi computerizzati che comprano e vendono sulla base di istruzioni generate da software.

TRADING CONTRO TREND – Metodologia di trading che viene utilizzata quando si prende posizione contro la direzione del mercato, anticipando un'inversione in quella direzione. 

TRADING DI POSIZIONE – Tipologia di trading in cui un un trader compra o vende contratti e li detiene per un periodo di tempo esteso. 

TRADING INTRADAY – Stile di trading che si riferisce alla pratica di aprire e chiudere posizioni in giornata. 

TRADING OVER-THE-COUNTER – Può essere abbreviato in trading OTC. Conosciuto anche come off-exchange trading. Si riferisce al trading su strumenti finanziari (azioni, obbligazioni, commodity) che avviene direttamente tra due operatori. 

TRAILING STOP – Il trailing stop è una tipologia di comando che può essere aggiunto ad un trade, in modo tale da lasciare aperto il trade fino a che il mercato continua a muovere a favore. Nel momento in cui il mercato inverte la direzione e muove a sfavore di un determinato numero di punti, il trade viene chiuso automaticamente. 

TREND – Il termine "Trend" si riferisce a movimenti di prezzo costanti in una certa direzione durante un determinato periodo di tempo. I trend di mercato si distinguono in rialzo (bull market), ribasso (bear market) e laterali. 

TURNOVER – Il volume totale di transazioni avvenute durante un determinato periodo di tempo.

UPTICK – Un "uptick" è un nuovo prezzo maggiore del precedente.

UPTREND/DOWNTREND – Termini che si riferiscono ai movimenti dei prezzi di un mercato, qualora ogni massimo sia superiore dei massimi precedenti (UPTREND) o ogni minimo sia inferiore ai minimi precedentei (DOWNTREND).

USDX – Abbreviazione di US Dollar Index. Rappresenta la misurazione del valore del Dollaro USA in correlazione con un paniere di valute straniere. L'USDX sale quando il Dollaro USA si rafforza contro le altre valute.

VALORE NOMINALE – Valore ufficiale di una valuta. In finanza il valore nominale si riferisce al valore dichiarato. In inglese il termine "at par" si utilizza quando due valute vengono scambiate al valore nominale. 

VALUTA BASE – È la valuta che sta al primo posto in una coppia valutaria (ad esempio in GBPUSD, GBP è la valuta di base).

VALUTA DEL CONTO – Valuta di denominazione di tutte le attività di deposito e prelievo relative al conto trading.

VALUTA FORTE – È l'opposto di valuta debole. La valuta forte è una valuta di cui gli investitori hanno fiducia. In termini economici si riferisce ad una valuta scambiata a livello globale. Grazie alla sua stabilità è preferita dagli investitori. 

VALUTA QUOTATA – La valuta che sta al secondo posto in un tasso di cambio. Ad esempio per l'EURUSD, l'USD è la valuta quotata. Il tasso di cambio quotato si riferisce a quante unità della seconda valuta posso ricevere per ogni unità della valuta di base. 

VARIAZIONE MARGINE – Fondi che devono essere depositati dal cliente qualora un movimento del prezzo abbia causato un calo del deposito al di sotto del livello prestabilito.

VENDITE AL DETTAGLIO – Report mensile che misura la spesa dei consumatori, andando a dare indicazioni sul PIL. Il report si basa sui dati inviati dai venditori al dettaglio relativi al valore, espresso in dollari, delle loro vendite al dettaglio e inventari. L'indicatore è particolarmente utile per analizzare dei pattern di consumo e, di conseguenza, la direzione dell'economia.

VOLATILITÀ IMPLICITA – La volatilità (misura in cui il valore di un prodotto varia nel tempo) che il mercato si aspetta nel prezzo di un prodotto. è una misura dei movimenti futuri dei prezzi, che tende ad aumentare nei mercati ribassisti e a diminuire in quelli riazisti. 

WEDGES – Pattern di prezzo (e.g. Forme create dai moviementi di prezzo sul grafico) usato in analisi tecnica per prevedere i trend di mercato: due linee convergenti che toccano una serie di massimi e minimi dando forma ad un cuneo (in inglese wedge).

WHIPSAW – Termine informale per condizioni di mercato particolarmente volatile, che implicano un brusco movimento seguito da una brusca correzione. 

WHOLESALE MONEY – Denaro prestato in grandi quantitativi da banche e istituzioni piuttosto che da piccoli investitori. 

WHOLESALE PRICE INDEX – Indice che misura i cambiamenti dei prezzi nei settori manifatturiero e della distribuzione e tende a guidare i prezzi al consumo per 60-90 giorni. L'indice è spesso quotato separatamente per prodotti alimentari ed industriali. 

WIDE OPENING – Termine che indica valori insolitamente ampi dello spread (bid-ask).

WILLIAM’S PERCENT RANGE (INDICATORE) – L'indicatore WPR misura le condizioni di mercato di iper-venduto ed iper-comprato, con la %R compresa tra i valori 0-100: valori tra 80-100% indicano un mercato in iper-comprato, mentre valori tra 0-20% indicano condizioni di iper-venduto.

WTO – Sigla del World Trade Organization, che supervisione gli accordi di trading internazionali, e fornisce luogo per la negoziazione di nuovi accordi e risolvere controversie.

YARD – Nome informale dato ad un miliardo in valuta. Utilizzato principalmente per le negoziazioni valutarie al fine di evitare il errori tra i termini inglesi "million" e "billion" (miliardo). 

YIELD – La percentuale di rendimento pagata su un titolo in forma di dividendi, o l'effettiva percentuale pagata su un bond o un'obbligazione.

Non hai mai fatto trading?

Noi di Destek Capital offriamo ai nostri clienti un ampio centro formativo e video tutorial on demand per imparare i segreti del trading e prendere confidenza con il mercato. Ti supporteremo attraverso il tuo percorso nel mondo del trading online, per offrirti la migliore esperienza possibile.

Inizia a fare trading con Destek Capital in 3 semplici passaggi

1. RegistratiApri un Conto Reale su myDestek
2. VerificaCarica i tuoi documenti e verifica il tuo conto
3. DepositaAccedi all’area myDestek e deposita sul tuo conto trading
Inizia Subito
Questo sito utilizza cookies. Acconsenti al loro utilizzo proseguendo nella navigazione di questo sito. Clicca qui per l'informativa sulla Privacy e Cookies
Il Forex e il trading sui CFD possono causare perdite che eccedano il capitale depositato. Assicurati di aver compreso i rischi correlati. Clicca qui per consultare l'Avvertenza sul Rischio